Francesca De André massacrata dai social: “Smettila di imitare Taylor Mega”

La nipote del mitico “Faber” ogni volta che posta qualcosa sui social viene puntualmente presa di mira dagli hater che l’accusano di essere una “coatta arrogante” che non fa che parlare male di Taylor Mega e sfruttare, svilendolo, il cognome del famoso nonno

Nonostante sia passato quasi un mese dalla fine dell’ultima edizione de “il Grande Fratello”, Francesca De André, considerata la “bulla“ della Casa, fatica a scrollarsi di dosso questa etichetta e ogni volta che si affaccia sui social, soprattutto su Instagram, i follower che la seguono si rivelano essere degli hater che non le perdonano il comportamento tenuto nel reality dove è stata uno dei personaggi più discussi e criticati.Nell’ultimo scatto pubblicato sul social posa in reggiseno e slip neri, sdraiata sensualmente in un letto sfatto, come una vera diva, e nella didascalia a corredo della sexy immagine scrive: “L’arte del saper vivere consiste nell’avere gli occhi di chi ne ha passate tante e il sorriso di chi le ha superate tutte”.Nemmeno il tempo di postare questo scatto che la De André è subito stata presa di mira da utenti che è dai tempi della Casa del “Grande Fratello” che vogliono farle sapere cosa pensano di lei.Il paragone con Taylor Mega sembra quasi inevitabile. In tanti l’accusano di imitarla, malamente, e le scrivono, commentando la sua didascalia: “Ma smettila con questa storia del passato e di quello che hai passato. Sei cattiva, arrogante e fai schifo. Puoi pubblicare e scrivere cattiverie su Taylor ma sappi che è lei la ragazza dei sogni di Gennaro e tu a fianco a lei vali 0”, e “sciacquati la bocca quando parli di Taylor!”, mentre altri, ironicamente la invitano a continuare a imitare la bionda influencer, se non altro perché così “ci facciamo due risate tutti i giorni”.Se in pochissimi la difendono e credono sia davvero innamorata di Gennaro Lillio, in tanti invece le ricordano “la cafonaggine che ti distingue” e la definiscono “una coatta con un linguaggio da scaricatore di porto” che “sfrutta troppo il cognome che porta”, un cognome che, scrive un altro utente, “per quanto mi riguarda associo solo al grande Faber”.E lo stillicidio degli hater non finisce qui, arrivando a definirla “la voce e la personalità più insopportabile vista in tv nell’ultimo decennio. Costretto a cercare il telecomando quando appare. E con urgenza!”, mentre, se un altro si chiede: “ma chi ti mantiene?” e le dà della “scansafatiche”, un hater cerca l’affondo, paragonandola a suo padre Cristiano De André con cui non ha mai avuto un facile rapporto, anzi, e le scrive: “Signora, se così si può dire… tu sei proprio come tuo padre! Ma andate in aiuto tutte e due e forse se non usi tutti per business potrai recuperare qualcosa, ma se continui a comportarti così il tuo nome cadrà presto nell’oblio. Prendi esempio da tua sorella, lei sì che sa vivere”.Francesca De André incassa e non replica a nessuno di questi attacchi e continua a godersi la sua vacanza al sole e al mare di Miami, in Florida.Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it? Visualizza questo post su Instagram L’arte del saper vivere consiste nell’avere gli occhi di chi ne ha passate tante e il sorriso di chi le ha superate tutte #buongiornocosì #intimo #sportwear @gioselin_official #imin #miamibeachUn post condiviso da Francesca De André (@francescadeandre) in data: 24 Giu 2019 alle ore 7:29 PDT

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Aurora Ramazzotti criticata sui social per aver messo in mostra il lato B

La figlia di Eros, Aurora Ramazzotti, ha pubblicato un video divertente su Instagram che però ha suscitato molte polemiche

Aurora Ramazzotti ha postato un video divertente dove, insieme al suo gatto, balla e lo coccola accompagnato dalla scritta: "D'ora in poi quando mi chiederanno 'Dove ti vedi tra dieci anni?' risponderò così". La figlia del cantante e della showgirl svizzera al momento si sta godendo una meravigliosa vacanza insieme al fidanzato Goffredo Cerza. La ragazza, però, non dimentica mai di aggiornare il suo profilo social e così ha voluto rendere partecipi i suoi follower anche di questo momento insieme al suo gatto.Le critiche per l'ultimo video di Aurora RamazzottiLe attenzioni dei fan di Aurora Ramazzotti, che sono circa un milione e mezzo, si sono però concentrati più sull'aspetto fisico della ragazza che sul felino. Il fisico di Aurora, messo in risalto da un due pezzi regalato da Marica Pellegrinelli (moglie del padre), ha regalato momenti di goduria ai follower. In molti si sono complimentati per la forma fisica che, ormai, non ha più nulla da invidiare a quella della mamma Michelle. Come succede ormai spesso, sotto ogni foto di Vip, arrivano anche diverse critiche. In questo caso, alcuni, hanno criticato Aurora perché ciò che mostrava non era di buon gusto. "Io non capisco però la necessita di mostrarsi al pubblico in mutande, vuoi like?…peccato, sei così giovane, lo trovo poco di buongusto" scrive qualcuno, mentre un altro dice: "Tutta sta scena per mostrare il nuovo fisico…capisco la soddisfazione ma alla fine si capisce che è fatto apposta". Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it? Visualizza questo post su Instagram D’ora in poi quando mi chiederanno “Dove ti vedi tra dieci anni?” io risponderò così:Un post condiviso da Aurora Ramazzotti (@therealauroragram) in data: 24 Giu 2019 alle ore 9:59 PDT

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Motogp, Vinales vince ad Assen davanti a Marquez e Quartararo. Disastro Rossi

Maverick Vinales ha vinto il gran premio di Assen in Olanda davanti a Marquez e Quartararo. Male Rossi che è caduto al quinto giro provcando anche l’uscita di scena di Nakagami

Fabio Quartararo non riesce a vincere, ancora una volta, la sua prima gara in Motogp e si deve arrendere al duo di spagnoli Vinales-Marquez che insieme al francese hanno vita ad una gara davvero emozionante ad Assen, in Olanda. A spuntarla, alla fine della contesa, è stato il centauro 24enne Maverick Vinales che mette fine ad una lunga striscia di insuccessi della Yamaha e ottiene così il primo sucesso stagionale. Secondo posto per Marc Marquez che ottiene un ottimo secondo posto considerando i risultati dei diretti inseguitori. Terzo il francese Quartararo che ancora una volta ha accarezzato il sogno di poter vincere per la prima volta in carriera in motogp.Quarto posto per Andrea Dovizioso, primo degli italiani e diretto rivale di Marquez che perde ancora terreno sul campione del mondo iridato, quinto Morbidelli, sesto Danilo Petrucci con la sua Ducati. Male, malissimo Valentino Rossi che dopo le pessime qualifiche di ieri dove è rimasto fuori dal Q2 partendo in quattordicesima posizione, è caduto al giro numero cinque provocando anche la caduta di Nakagami. Il Dottore aveva affermato di avere poco feeling con la moto in un tracciato a lui da sempre congeniale e sul quale ha vinto in più di una circostanza. Con questo secondo posto, dunque, Marquez tiene alla distanza tutti suoi inseguitori incrementando il vantaggio su Rossi e Rins che si sono dovuti ritirare.

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Sea Watch, J-Ax sta con Carola: “Lei come Gandhi e Mandela”

Dal palco del Bologna Sonic Park, dove stava tenendo un concerto, il rapper J-Ax si è schierato dalla parte della comandante della Sea Watch 3: “Come Gandhi, Nelson Mandela e Martin Luther King ha disobbedito a leggi ingiuste”

"Anche Gandhi violava la legge, è stato arrestato 13 volte. E Nelson Mandela? Ha passato 27 anni in carcere. Mentre ciò che hanno fatto i nazisti in Germania era legale. Abbiamo la responsabilità morale di disobbedire alle leggi ingiuste. Io sto con Carola". L'ultimo personaggio pubblico a salire sul carro della capitana della Sea Watch 3 è il rapper J-Ax. Durante il suo concerto di sabato sera al Bologna Sonic Park, il cantante non ha fatto mistero di stare dalla parte di Carola Rackete. "Ieri ho postato #IoStoConCarola su Instagram e ho ricevuto i soliti commenti che si ricevono oggi, quando sei così arrogante da empatizzare e interessarti agli altri. Perché, forse non lo sapevate, ma i veri eroi sono quelli che Dante chiamava 'ignavi'. Quelli che non prendono posizione. Che non rischiano. Che non si espongono", ha urlato dal palco J-Ax, avventurandosi in un ardito confronto tra Carola, Gandhi e Mandela."Che cosa vuol dire che Carola 'ha violato le leggi italiane?' Lo sapete che tutto ciò che hanno fatto i nazisti in Germania era legale? Era giusto quindi? Sapete invece chi violava la legge? Gandhi, arrestato 13 volte. Nelson Mandela che ha passato 27 anni in galera – ha continuato il rapper – mentre Martin Luther King ha risposto a chi gli chiedeva con quale diritto decidesse di violare la legge. E cito: 'Come potete propugnare la violazione di alcune leggi e l'osservanza di altre?'. La risposta sta nel fatto che ci sono due tipi di leggi: giuste e ingiuste. Abbiamo la responsabilità morale di disobbedire alle leggi ingiuste". Insomma, secondo lui la capitana della Sea Watch 3 avrebbe fatto bene a non rispettare le leggi italiane e a sbarcare i migranti a Lampedusa mettendo a repentaglio la vita dei finanzieri a bordo della motovedetta schierata per impedirle il passaggio e il conseguente attracco.J-Ax: "Una legge ingiusta non è legge"Per giustificare la condotta di Rackete, J-Ax cita addirittura Sant'Agostino e Martin Luther King. "Io concordo con Sant'Agostino nel ritenere che 'una legge ingiusta non è legge'. Come si fa a stabilire se una legge sia giusta o ingiusta? Una legge che eleva la personalità umana è giusta; una legge che degrada la personalità umana è ingiusta". E ancora: "Per inciso, Martin Luther King è stato arrestato 30 volte. Non fatevi fottere da questi stronzi che hanno nascosto il Rolex sotto la felpa. Non sono il popolo, e non lo rappresentano. Sono loro le vere élite e i poteri forti che si sono camuffati da persone comuni per fotterci meglio". Come riconoscerli? Secondo J-Ax, sarebbero quelli che "ci dividono" e "fomentano una guerra tra poveri", gente che "non fa mai un cazzo per nessuno e giudica chi invece lo fa. Per citare Madre Teresa di Calcutta, 'Non rompeteci i coglioni'", ha aggiunto il rapper."I migranti? Dovrebbe tenerseli l'Italia"Prima di bocciare la redistribuzione dei migranti della Sea Watch ottenuta dal governo: "Ci sono quelli che ti dicono 'Perché solo in Italia? Perché non si mette la Germania a prenderseli?' A parte che tutti i migranti della Sea Watch andranno in Europa e nessuno rimarrà in Italia, ma sticazzi della Germania e dell'Europa. Noi siamo l'Italia, il Paese più bello del mondo. E non dobbiamo inseguire nessuno. Noi possiamo e dovremmo mostrare agli altri la via". Chiosa finale sul "cattivismo" imperante: "Pensate a quando i vostri figli vi chiederanno dove eravate quando la gente moriva in mare o nei lager libici. Che cosa risponderete? 'Ero su Facebook ad augurare a una ragazza di 31 anni di essere stuprata perché ha salvato degli esseri umani?' È questo che volete lasciare ai vostri figli? È questo quello che risponderete quando vi chiederanno come avete risposto a una ingiustizia nel vostro tempo? Io ho una mia idea: se essere cattivi va di moda, significa che dovremo amare più forte per compensare il loro odio".

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Pride a Milano, l'influencer perde il treno e sbotta: “Andate tutti a morire”

Con uno sfogo sui social, Stella Manente ha duramente criticato il Pride di Milano e i manifestanti che ieri hanno sfilato per le vie della città. Oggi, sui social, le scuse dell’attrice

Ieri è stata la giornata del Pride a Milano e 300mila persone hanno sfilato per le vie della metropoli, che per un giorno è stata pacificamente paralizzata da un'onda arcobaleno. I disagi sono stati innegabili per la grande città milanese, che però ha saputo organizzarsi alla perfezione per gestire al meglio gli inconvenienti per la deviazione della viabilità.Chi sembra non aver gradito la parata arcobaleno di ieri è stata Stella Manente, attrice italiana e influencer che ha mosso proteste vibranti contro il Milano Pride, prontamente pubblicate sui suoi social scatenando una valanga di proteste. Trovatasi immersa nell'onda pride, la Manente non ha esitato a riprendere i manifestanti e a scagliarsi contro di loro auspicando addirittura il ritorno del nazismo. Nelle sue storie di Instagram ragazza ha utilizzato parole molto forti, che hanno indignato la comunità LGBT, ma non solo: “Cioè io sto perdendo il treno in mezzo a questa massa di ignoranti, andate tutti a morire, cazzo. Perché non esiste più Hitler? Sarebbe dovuto esistere Hitler.” Ha dichiarato mentre camminava di fretta per raggiungere la Stazione Centrale di Milano. Poi ha aggiunto: “Cioè guarda che ammasso di gente ignorante che sta bloccando la strada. Io veramente vorrei capire la polizia dove cazzo è, forse a farsi le seghe perché non ha un cazzo da fare, una vergogna guarda. Raga è solo per questo che l’Italia è in rovina perché non esiste un cazzo di…” Visualizza questo post su Instagram Un post condiviso da Tutto Trash (@tutto_trashita) in data: 29 Giu 2019 alle ore 1:19 PDTNon è chiaro il motivo di uno sfogo così eccessivo da parte dell'attrice, che per la sua reazione è stata pesantemente attaccata sui social tanto che il suo nome è diventato in poche ore uno degli argomenti più discussi su Twitter. Accortasi dell'errore, poche ore fa Stella Manente ha cercato di rimediare, scusandosi per le sue dichiarazioni sul Pride di Milano attraverso altri numerosi video e messaggi sui social: “Non volevo offender nessuno. Non sapevo ci fosse il gay pride.” Ha dichiarato senza però riscuotere approvazione da parte dei social, che la accusano di aver fatto marcia indietro solo per non perdere follower e consensi.

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Europeo under 21, Spagna campione: Germania sconfitta 2-1

Le reti del napoletano Fabian Ruiz e di Olmo hanno permesso alla Spagna under 21 di vincere l’Europeo di categoria contro i pari età della Germania. Inutile il gol nel finale di Amiri

La Spagna under 21 vince l'Europeo di categoria battendo in finale per 2-1 la Germania. La partita è stata equilibrata ma meglio giocata dagli spagnoli che hanno tenuto il pallino del gioco per lunghi tratti e con i tedeschi un po' contratti e poco incisivi. Le reti, una per tempo, sono state realizzate da Fabian Ruiz, al 6' del primo tempo, e da Olmo al 68' della ripresa. Inutile ai fini del risultato la rete di Amiri siglata all'87'. Le Furie Rosse dimostrano ancora una volta di essere una squadra cinica, forte e piena di qualità, classe e talento. Resta il grande rammarico per l'Italia che all'esordio nel girone A aveva avuto la meglio per 3-1 e in rimonta contro la Spagna che oggi si è laureata campione alla Dacia Arena di Udine.La Spagna parte forte e passa subito in vantaggio al 6' con Fabian Ruiz che avanza palla al piede e da fuori area fa partire un sinistro imparabile che batte Nubel per il vantaggio spagnolo. Gli iberici continuano a dominare con il Tiki Taka ma al 24' Oztunali ha una buona chance per colpire con Sivera che para agevolmente. La Spagna continua ad avere il pallino del gioco pur senza pungere un po' come i tedeschi con la frazione che va in archivio sull'1-0.Nella ripresa Amiri calcia forte verso la porta al 47' con Sivera che respinge e con Vallejo che anticipa in angolo l'accorrente Waldschmidt. Al 68' la Spagna raddoppia grazie alla papera di Nubel che non trattiene il tiro di Fabian Ruiz e con Olmo che arriva come un falco e insacca il 2-0. Fabian Ruiz per poco non segna il 3-0 al 74' ma il suo destro si spegne di poco a lato. Soler coglie la traversa al 79' e all'87' Amiri riapre parzialmente le speranze tedesche con un destro deviato imparabilmente da Vallejo che fa terminare il match sul 2-1.Il tabellinoGermania: Nubel; Klostermann, Tah, Baumgartl, Henrichs; Serdar (61' Neuhaus), Eggestein (77' Nmecha), Dahoud; Oztunali (72' Richter), Waldschimdt, AmiriSpagna: Sivera; Aguirregabiria, Unai Nunez, Vallejo, Junior Firpo; Roca, Fabian Ruiz (78' Merino); Olmo, Ceballos, Fornals (72' Mayoral), Oyarzabal (54' Soler)Reti: 6' Fabian Ruiz (S), 68' Olmo (S), 87' Amiri (G)

Fonte http://www.ilgiornale.it/

È morto Mordillo, il maestro dell'umorismo muto

Era noto soprattutto per i suoi fumetti incentrati sullo sport e sugli animali. Lutto nel mondo della cultura

Si è spento all'età di 86 anni Guillermo Mordillo, fumettista argentino che ha acquistato notorietà tra gli anni Settanta e Ottanta grazie ai suoi capolavori. Figlio di genitori spagnoli, è nato nel 1932 in Argentina, precisamente a Villa Pueyrredón – un quartiere di Buenos Aires. La sua prima devozione per l'infanzia fu Walt Disney. Successivamente ha ammirato Charles M. Schulz e Quino, rispettivamente creatori di Charlie Brown e Mafalda. L'artista era solito definire l'umorismo come "la tenerezza della paura", aggiungendo che "in un mondo felice non sarebbe necessario".La sua prima creazione, realizzata a soli 16 anni, ha ottenuto il certificato rilasciato dalla School of Journalism: tale riconoscimento gli ha consentito di iniziare a lavorare in diverse aziende, pubblicando anche le sue prime storie per bambini, come "Fosforito".Viaggiatore instancabileMordillo viaggiava fin da quando era giovane: nel 1955 si trasferì in Perù per lavorare come designer. Successivamente si recò negli Stati Uniti e collaborò con il produttore Paramount in alcuni episodi di animazione della serie leggendaria "Popeye". A Parigi realizzò disegni umoristici per vari media, tra cui la rivista francese "Paris Match" e la rivista tedesca "Stern". Tra il 1980 e il 1998 si alternò tra Spagna e Monaco.L'esclusività delle opereGli studiosi hanno sottolineato che i suoi capolavori sono stati sempre incentrati sull'espressività del colore. I disegni divennero muti dal suo periodo francese, poiché in quell'arco di tempo non conosceva la lingua locale. I soggetti più comuni erano l'amore, lo sport, il calcio, il golf e gli animali, con una particolare predilezione per le giraffe, che a suo dire erano animali molto eleganti e silenziosi. I suoi personaggi erano connotati da un naso grande e rotondo.Dopo essersi fermato a disegnare regolarmente sulla stampa, Mordillo ha iniziato a pubblicare libri che hanno ottenuto un ampio gradimento da parte del pubblico. Per quanto riguarda i numerosi riconoscimenti che hanno fatto da cornice al suo operato, si possono citare Phoenix of Humor del 1973 e il Gold Award di San Remo nel 1978 e 1983.

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Elisabetta Gregoraci e il selfie che scatena la lite con la fan

Elisabetta Gregoraci, osannata e amata sui social, è finito sotto l’occhio del ciclone per una foto scattata insieme al figlio Nathan

Elisabetta Gregoraci, ex moglie di Flavio Briatore e madre amorevole di Nathan, è solita condividere su Instagram momenti passati insieme al figlio. Dopo lo scatto in riva al mare e lo shooting del buongiorno che le ha fatto guadagnare migliaia di likes, Elisabetta si è scattata un selfie sorridente insieme a Nathan. L'ultimo scatto di Elisabetta GregoraciL'ultimo scatto, come sempre, ha attirato centinaia di commenti. Questa volta, però, è arrivato anche uno da parte di una donna che non c'è andata molto leggera. La Gregoraci, nello scatto, accenna a fare una linguaccia mentre Nathan si trova poco dietro la madre fissando lo smartphone. La didascalia della foto riporta la frase: "Selfie con la mamma. Io&Te" accompagnato da un cuore rosso. La maggior parte dei commenti sono stati compiacenti, gli elogi al fisico della conduttrice non sono mancati e anche per l'umiltà che la donna è capace di mostrare. "Ho dovuto mettere gli occhiali da sole tanta la luce che emanavi. Abbagliante bellezza" è uno dei commenti più amorevoli.Tra i tanti commenti ce n'è stato uno, molto negativo, che non è passato inosservato: "E ma sta faccia da tr***n per un selfie da mamma non mi pare normale" ha scritto una donna. La Gregoraci, però, non si è persa d'animo ed ha risposto a tono: "Nemmeno una donna che usi questo linguaggio scurrile". Altri fan, prendendo le difese della showgirl, hanno replicato: "Tutta invidia". Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it? Visualizza questo post su Instagram Selfie con la mamma..Io &Te . . #motherandson #mylove #us #smileitsbetter #smilewithme #happytime #sunnyday #shootingUn post condiviso da Elisabetta Gregoraci (@elisabettagregoracireal) in data: 28 Giu 2019 alle ore 6:25 PDT

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Stefano De Martino: “Ho faticato per riconquistare Belen”

Il loro ritorno di fiamma è stata una delle notizie di gossip più apprezzate degli ultimi mesi e oggi Stefano De Martino racconta come ha fatto a riconquistare il cuore di sua moglie dopo tre anni di lontananza

Per Stefano De Martino il 2019 sarà senz'altro un anno da ricordare. Il ballerino ha esordito alla conduzione di Made in Sud su Rai2 ottenendo ottimi risultati ma ha soprattutto riconquistato il cuore di sua moglie. Tra Belen Rodriguez e l'ex ballerino di Amici il matrimonio si era interrotto tre anni, a breve distanza dalla nascita del loro primo figlio Santiago. Da quel momento i due hanno preso strade differenti, hanno vissuto altre relazioni e hanno fatto tantissimi nuovi incontri senza mai perdersi di vista.Il piccolo Santiago è stato il collante che ha permesso a Stefano De Martino e a Belen di mantenere i contatti in modo civile, come si confà a una coppia di genitori che cerca e desidera il bene del figlio. In tanti hanno sperato che i due tornassero a essere una coppia, le loto foto insieme in questi tre lunghi anni hanno fatto sognare i loro fan. Per il ballerino e conduttore non è stato semplice riconquistare il cuore della showgirl argentina, come racconta lui stesso sulle pagine di Diva e Donna: “Come per tutte le cose preziose, anche per questa ho faticato e ho fatto dei sacrifici. Per riconquistare Belen mi sono letteralmente rimboccato le maniche.” Durante l'intervista, Stefano De Martino ha spiegato anche come ha deciso di vivere le sue giornate ora che ha ritrovato sua moglie: “Nella vita si corre, tra mille impegni: sto imparando anche a godermi ogni preziosissimo istante con la mia famiglia.”Stefano, che a ottobre compirà 30 anni, ha già vissuto tantissime emozioni ed esperienze e per lui è arrivato il momento di trovare l'equilibrio giusto insieme a suo figlio e a sua moglie. Pare che i due presto celebreranno nuove nozze simboliche, visto che per la legge il loro matrimonio non è mai finito. Nel frattempo Stefano De Martino e Belen Rodriguez stanno lavorando per dare un fratellino o una sorellina a Santiago. Sempre dalle pagine del settimanale patinato, il ballerino ha nuovamente smentito la gravidanza già avviata: “Arriverà, ma quando sarà il momento.” ha dichiarato, confermando il desiderio di allargare la famiglia. La stagione televisiva che si aprirà a partire da settembre sarà molto impegnativa per Stefano, chiamato alla conduzione di ben tre programmi ma sicuramente troverà il tempo da dedicare alla sua famiglia, per recuperare quello perso nei tre anni di lonananza.

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Bologna, lavavetri bengalese colpisce in testa un automobilista

Lo straniero, irregolare e con precedenti, ha colpito l’automobilista col manico della spazzola perchè quest’ultimo non voleva che gli pulisse il parabrezza ed è stato denunciato

Un lavavetri bengalese di 40 anni è stato denunciato dalla polizia di Bologna per lesioni personali, dopo aver aggredito un automobilista. Lo rendono noto fonti locali.Secondo quanto ricostruito dalle forze dell'ordine ieri sera era nato un diverbio fra il lavavetri ed un automobilista di 61 anni fermo al semaforo, con lo straniero che nonostante i netti rifiuti del 61enne ha continuato imperterrito ad insistere per pulire il parabrezza della sua auto. La lite è degenerata al punto che lo straniero ha colpito in testa l'automobilista col manico della sua spazzola, tentando poi di dileguarsi con la sua bicicletta. Nonostante la violenta botta al capo l'uomo in macchina si è messo immediatamente all'inseguimento del suo aggressore, chiamando nel frattempo la polizia. Grazie alle sue indicazioni è stato facile per gli agenti individuare di lì a poco il 40enne.Successivi accertamenti delle forze dell'ordine hanno fatto emergere che lo straniero, oltre ad essere irregolare sul suolo italiano, vantava anche una sfilza di precedenti alle spalle. L'automobilista invece, le cui condizioni non destano preoccupazioni, è stato sottoposto alle cure mediche dal personale addetto.

Fonte http://www.ilgiornale.it/