“Godzilla 2 – King of the Monsters”, esagerato ma mai epico

Film di genere apocalittico, visivamente confusionario, con scene d’azione ripetitive e varie illogicità. Si salvano il monster design, la colonna sonora e i riferimenti mitologici.

"Godzilla 2 – King of the Monsters" costituisce un nuovo tassello nella creazione del cosiddetto MonsterVerse della Warner, inaugurato nel 2014 con "Godzilla" di Gareth Edwards e proseguito nel 2017 con "Kong: Skull Island".Si tratta di un blockbuster dalle atmosfere cupe e che punta sul metter in scena in versione esagerata quanto già comparso nel film di cui è sequel: i mostri, infatti, sono stavolta superiori per numero, dimensioni e ferocia.L'incipit vede trascorsi oramai cinque anni dall’ultimo avvistamento di Godzilla, durante lo scontro che aveva quasi raso al suolo San Francisco. La Monarch, agenzia cripto-zoologica, tenta di convincere i governi a non sopprimere i Titani, mostri antichi quanto il pianeta stesso, rimasti addormentati nelle profondità della Terra per migliaia di anni e ora in procinto di risvegliarsi. Uno studioso in particolare, il dott. Serizawa (Ken Watanabe), sostiene che non tutte quelle creature debbano necessariamente essere ostili all'uomo e ipotizza un'utopica convivenza. Intanto Emma (Vera Farmiga) e Mark (Kyle Chandler) Russell, due scienziati ancora provati dalla morte del figlio minore, si ritrovano coinvolti, assieme alla maggiore, Madison (Millie Bobby Brown), nei piani di un eco-terrorista. Il criminale è interessato a impadronirsi di Orca, un misterioso dispositivo tecnologico in grado di comunicare con super specie come Godzilla.Il messaggio ecologista del film risiede in buona parte nella critica alla società umana. La trama ruota attorno al seguente dilemma etico: salvare il pianeta con un genocidio (in stile Thanos) o risparmiare l'umanità condannando però il pianeta alla progressiva distruzione? Ciò detto, non c'è mai vero approfondimento a riguardo e si predilige una spettacolarità fine a se stessa. Tutto, dalle lotte furiose tra esseri monumentali alle città devastate dall'impatto con tali leggendarie presenze, concorre a creare qualcosa di visivamente imponente ma non c'è traccia di epicità, anche perché il film è costellato, nei momenti meno opportuni, di dialoghi mal scritti e dall'effetto straniante.Dei diciassette Titani che si dice nel film siano stati ritrovati, la visione si concentra soprattutto sullo pterodattilo Rodan, sulla falena divina Mothra e su colui che contenderà a Godzilla il ruolo di maschio Alfa, ovvero Ghidora, gigantesco drago alato tricefalo.Il monster design è uno dei punti di forza, così come la serie d'immagini mitiche atte a rivelare che tali mostri fossero un tempo venerati come Dei primordiali. Un plauso anche alla colonna sonora, ma "Godzilla 2" resta, in sostanza, un film mal strutturato sotto troppi punti di vista. Tra scene d'azione ripetitive, uno stile visivo rarefatto e confusionario, personaggi dalla caratterizzazione a dir poco scialba, infinite illogicità e azioni insensate corredate da esternazioni talvolta ridicole, la pellicola deraglia diventando ora noiosa, ora risibile. Del resto c'è un limite alla sospensione dell'incredulità ed è usurante trascorrere oltre due ore osservando situazioni da cui uscirebbero incolumi forse dei supereroi, non certo degli umani. Il concetto stesso di radioattività, legato in maniera indissolubile al lucertolone più famoso della storia del cinema, qui è protagonista di continui nonsense."Godzilla 2", in definitiva, è riservato agli spettatori che trovino galvanizzante e rinvigorente assistere a implacabili scene di distruzione e a scontri tra mostri mastodontici. Gli stessi che, alla fine del film, non vedranno l'ora di gettarsi nel crossover "Godzilla vs. Kong", la cui uscita è prevista per il prossimo anno.

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Paolo Brosio si confessa: “Quante donne ho avuto? Non ho il pallottoliere”

L’ex naufrago parla degli aspetti più intimi della sua vita: “Ero fissato con donne e droghe. Ora faccio i conti con Dio”

"Quante donne ho avuto? Non ho il pallottoliere". È una rivelazione choc quella fatta da Paolo Brosio a I Lunatici, il format di Rai Radio2. Intervistato da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, il giornalista si è mostrato senza veli. "Il ventre di una donna è tabernacolo di vita – ha affermato -. Io per molti anni l'ho considerato tutt'altro. Per il godimento personale, per il divertimento, perché ero fissato con le donne".Poi la conversione. "È cambiata la mia vita. È successo qualcosa di grosso. Ora faccio i conti con Dio, prima facevo i conti solo con me stesso", ha spiegato Brosio. Il suo percorso verso la spiritualità lo ha portato anche ad allontanarsi dalla droga. "È devastante. Nella mia vita ho provato certe cose ed ho avuto anche momenti brutti. L'uomo è fatto di debolezze, di fragilità, spesso tutto ciò che è peccato attira di più. Bisogna chiedere aiuto a Dio per rimanere saldi nella vede".L'esperienza all'IsolaUn intervento intenso quello di Paolo Brosio che ha poi ripercorso la sua partecipazione all'Isola dei Famosi. Un'esperienza importante, che lo ha segnato nel profondo. "Sono ancora deboluccio, ho perso tanti chili, diciassette, mi devo risistemare un po' – ha confessato l'ex naufrago -. Se tu vai lì in buone condizioni fisiche è più facile, ma io ho avuto tante punture di insetti e quindi ho avuto delle infezioni".Sono stati proprio i mosquitos a rendere ancora più difficile la sua partecipazione al reality. "La sofferenza legata alla mancanza di cibo riuscivo a contenerla, ma le punture e le infezioni mi hanno messo in difficoltà. Ho dato tutto quello che potevo dare".

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Elisa Isoardi saluta commossa La prova del cuoco: “So che amate Antonella”

Nell’ultima puntata de “La prova del cuoco”, la conduttrice Elisa Isoardi è apparsa visibilmente emozionata, nel momento in cui ha salutato i telespettatori in vista delle vacanze estive

Nella nuova puntata de "La prova del cuoco", il format trasmesso su Rai 1, la conduttrice Elisa Isoardi ha salutato i telespettatori in vista delle vacanze estive e in occasione dell'ultimo appuntamento televisivo del suo programma.Nel corso della sua recente ospitata a "Domenica In", il talk show domenicale di Mara Venier, la Isoardi aveva comunicato al pubblico che sarebbe stata nuovamente ingaggiata al timone de "La prova del cuoco", per l'edizione prevista a settembre 2019. E, durante i saluti finali che ha rivolto ai telespettatori e alla produzione nell'ultima puntata de "La prova del cuoco", l'ex fidanzata del Vicepremier Matteo Salvini, Elisa, sembra essersi riconfermata alla conduzione del noto "cooking show" di casa Rai.Elisa Isoardi e le parole su Antonella Clerici a "La prova del cuoco"“Grazie a voi di avermi dato fiducia, non era semplice, lo so- ha dichiarato la conduttrice piemontese Isoardi, nell'ultima puntata de "La prova del cuoco"-. Antonella è ancora nei cuori di tutti, ma noi siamo qui per voi!“.Elisa, dopo essersi inaspettatamente pronunciata sul conto della collega Antonella Clerici, ha lasciato intendere ai telespettatori della Rai che tornerà alla conduzione del "cooking show", nella nuova edizione in arrivo: “Ci vediamo a settembre, passeremo l’estate a lavorare per voi, con tante novità“. Segui già la nuova pagina di gossip de il Giornale.it su Facebook? Visualizza questo post su Instagram Grazie di tuttoGià ci mancateCi vediamo a settembre . . . . . . . #LaProvaDelCuoco #ricette #ingredienti #ElisaIsoardi #IvanBacchi #cookingshow #Rai1 #RaiPlay #food #foodpic #eat #foodlove #foodpassion #cooking #prelibatezza #bontàUn post condiviso da La Prova del Cuoco (@laprovadelcuocorai) in data: 31 Mag 2019 alle ore 6:06 PDT

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Cannabis light, Vasco contro Cassazione: “Sentenza vergognosa”

Il cantante si è espresso contro la sentenza sulla Cannabis light: “Non è mai morto nessuno. Non va messa tra le sostanze stupefacenti”

Vietare la vendita di prodotti derivati dalla cannabis light "è una vergogna. Con la cannabis non è mai morto nessuno". Lo ha affermato Vasco Rossi. Il cantante è intervenuto sul tema in chiusura della conferenza stampa tenuta allo stadio San Siro per la promozione dei suoi prossimi concerti in programma a Milano.Con una sentenza di pochi giorni fa, la Corte di Cassazione ha infatti bloccato la vendita dei "prodotti derivati dalla coltivazione della cannabis light". Una decisione che ha subito creato non poche polemiche. Numerosi i personaggi del mondo della politica e dello spettacolo che si sono schierati a favore o contro la sentenza.L'ultimo in ordine di tempo è stato proprio il rocker di Zocca che nel 2016 aveva firmato la petizione per la legalizzazione e la decriminalizzazione dell'uso personale di tutte le sostanze. "Non è mai morto nessuno – ha dichiarato -. Non va messa tra le sostanze stupefacenti. Le altre sì invece".

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Giro d'Italia, 19a tappa: vince Chaves. Carapaz resta in rosa, domani giornata decisiva

La 19esima tappa del Giro d’Italia è stata vinta dal colombiano Chaves, davanti a Vendrame e Antunes. Tutto immutato per la maglia rosa e la tappa, durissima, di domani sarà decisiva per capire chi vincerà la competizione

La 19esima tappa del Giro d'Italia da Treviso a San Martino di Castrozza, lunga 151 chilometri, è stata vinta con autorità dal colombiano della Mitchelton-Scott di Esteban Chaves che ha chiuso in quattro ore, un minuto e 32 secondi. Il 29enne di Bogotà si è messo alle spalle tutti, anche lo sfortunato Andrea Vendrame, del team Androni Giocattoli-Sidermec, che si è buttato per terra al termine della stremato e senza più forze. Terzo posto per il portoghese Antunes. I quattro big del Giro, la maglia Rosa Richard Carapaz, che se la tiene ancora stretta, Vincenzo Nibali, Primosz Roglic e Mikel Landa (che corre a pieno servizio dell'attuale maglia Rosa), si sono affrontati in una guerra psicologica ma sono arrivati al traguardo tutti insieme e il tutto sarà rinviato a domani. Di certo Nibali dovrà compiere un'impresa epica per riuscire a portarsi a casa la corsa in Rosa.Al termine della tappa odierna lo strepitoso Esteban Chaves si è concesso ai microfoni della Rai per commentare la sua vittoria, sofferta e meritata: "Dopo quello che ho passato vale ancora di più questa vittoria. Questa vittoria di oggi è una cosa incredibile, i sogni a volte si realizzano. Sono stati anni duri, ma ho lavorato duramente, non bisogna mai mollare e abbiamo vinto una tappa davvero incredibile. Sono qui con la mia famiglia e sono felice, non bisogna mollare mai nella vita e provarci fino alla fine. Bisogna sempre spingere e credercu per ottenere i tuoi risultati". La 20esima e penultima tappa di domani si correrà da Feltre a Croce d'Aune-Monte Avena e sarà l'ultima dura scalata prima della crono finale di domenica 2 giugno a Verona.

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Conte, tackle di Materazzi: “Il passato non si dimentica”

Materazzi commenta l’arrivo di Antonio Conte sulla panchina dell’Inter: “Dovrà conquistare il cuore dei tifosi”

Marco Materazzi è un uomo che ama sporcarsi le mani. Lo ricordiamo tutti sul rettangolo verde: tackle duri e irruenza erano il suo pane quotidiano. E di certo non è uno che le manda a dire. E così ha fatto anche per l'arrivo di Antonio Conte sulla panchina dell'Inter."Dovrà conquistare il cuore dei tifosi"E come biasimarlo: Conte è stato il Capitano dei bianconeri e fa anche parte della storia (passata e recente, ndr) della Juventus; l'altro è l'emblema del l'Inter del Triplete. Ovviamente quest'ultimo ha subito voluto dire la sua sull'arrivo dell'ex juventino, perché si sa, chi mena per primo, mena due volte.Come riporta TuttoSport, l'ex difensore e Campione del Mondo 2006 ha dichiarato a Sky: "Spero che la società riesca a ottenere i risultati che sta sognando come tutti gli interisti e spero che Conte possa conquistare il loro cuore: non sarà facile perché il passato non si può dimenticare e cancellare, però ha fame". Nonostante tutto l'ex 23 neroazzurro ha lasciato intravedere margini di fiducia verso Conte: "Con voglia e impegno l'interista sarà il primo ad amarlo. Sta a lui conquistarsi la fiducia di tutti quanti".Poi, Materazzi ha voluto dedicare anche qualche parola all'ex compagno di Nazionale, Daniele De Rossi, fresco di divorzio dalla Roma: "Non me ne vogliano i tifosi dell'Inter ma li ho traditi per andare a vedere il suo addio. Non merita quella sporcizia e quello che si sta dicendo in questi giorni. Lo conosco nei pregi e nei difetti, l'abbiamo aiutato al Mondiale. Ho una stima talmente grande che tutto quello che viene detto è superfluo. Per me vale tantissimo. Spero faccia quello che gli piace e che un giorno possa tornare alla Roma".

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Usa, i farmaci salvavita “uccidono” gli americani

Il costo dell’insulina, farmaco fondamentale per i diabetici, continua ad aumentare. Il trattamento per la sclerosi arrivato a 92mila dollari l’anno

Centinaia e a volte anche migliaia di dollari per un solo farmaco, fondamentale per i diabetici. È quello che devono pagare gli americani negli Stati Uniti, per poter comprare l'isulina, un farmaco salvavita i cui costi continuano ad aumentare.Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, le tre case che lo producono sarebbero sospettate di collusione e, per aumentare continuamente il prezzo, migliorerebbero la formula solamente in modo marginale, così da garantirsi continui brevetti e, di conseguenza, fondi sicuri. Il Colorado ha deciso di fissare una cifra massima per il ticket dei diabetici, escludendo però quello che i cittadini americani sborsano ogni anno per la polizza sanitaria.Ma l'insulina non è l'unico farmaco d'oro del mercato americano. Negli Usa, infatti, i costi di tutti i farmaci salvavita, e quindi necessari alle persone che continuano ad acquistarli a prescindere dal prezzo, è in ascesa libera. Basta pensare che il trattamento più efficace per curare la sclerosi multipla oggi costa, secondo i dati riferiti dal Corriere, 92mila dollari all'anno, il doppio rispetto al 2010, data in cui venne messo sul mercato.E per cercare di abbassare i prezzi dei farmaci salvavita, il presidente Donald Trump sta facendo pressioni sulle aziende farmaceutiche, perché riducano i prezzi. L'ultimo tentativo è stato quella di obbligarle a dichiarare il prezzo dei medicinali negli spot televisivi.

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Jane Alexander, polemica social per le foto sexy

L’attrice britannica, ex concorrente del Grande Fratello Vip, ha risposto ad alcuni seguaci che su Instagram la criticavano per le foto sexy pubblicate

Con i post social di Jane Alexander si potrebbe scrivere un racconto. Attraverso i suoi profili, infatti, l’attrice condivide con i follower pezzi di vita quotidiana, scrivendo moltissimo e lasciandosi andare a confessioni private. L’ultimo post in ordine di tempo ha, però, suscitato non poche polemiche da parte di qualche seguace che, stanco di foto sensuali e sexy, ha voluto dire la sua alla bella inglese. Jane Alexander non è nuova a pubblicare sui suoi social scatti sexy e in intimo, facendosi apprezzare dalla maggior parte dei suoi fan per il fisico asciutto e mozzafiato.Secondo qualcuno, però, ultimamente le foto di Jane mezza nuda sarebbero troppe, vista l’età dell’attrice (46 anni). "Ma questa ha un problema secondo me – scrive una follower – Sempre mezza nuda, manco fosse una quindicenne con il fisico da pin up. Ho cercato di capire il suo comportamento al gf. Ora capisco proprio tutto. Mah…". Un commento che non è piaciuto affatto a Jane Alexander, che ha voluto rispondere per le rime: "Io semplicemente penso e sostengo che le donne di ogni età possano sentirsi sensuali e fare foto con o senza vestiti. Senza imbarazzo alcuno. Perché non smettiamo ne di essere donne, ne di fare l'amore alla mia età, te lo assicuro. Anzi, li facciamo meglio di prima, fidati:) se ti da fastidio chiediti perché il corpo di una 15enne, quindi minorenne, invece non ti da fastidio. Pensaci. Il problema è solo tuo. Io non ho la sindrome di Peter Pan. Io semplicemente sono fiera del mio corpo da 46 enne. Stop. Non posto solo foto seminuda. Ripeto, se ti da fastidio salta, guarda altrove. Ma "questa ha un problema" dillo guardandoti allo specchio la prossima volta".Un commento che, purtroppo, non è rimasto isolato: "Non vedi quanti arrapati puo' richiamare così? Che se non crea critiche non puo far parlare di sé non lavorando? Che piacciono piu' queste foto? Anche il cornuto le fa le foto con il seno al vento per IG", scrive un altro utente. L’attrice ex concorrente del Grande Fratello Vip, recentemente tornata al fianco dello storico compagno, ha però voluto smorzare i toni della discussione, evitando di rispondere ulteriormente. Visualizza questo post su Instagram Questa era la visuale di @melissadebernardi (check out my ealier post) Ora preparo qualcosa da mangiare. Ho sempre amato cucinare. Fin da piccola. Era la mia valvola di sfogo. Cucinavo se ero triste, arrabbiata, stanca, ma anche felice, anche se meno, molto meno da felice. Cucinavo tanto e mettevo tutto in freezer, oppure regalavo piatti ai vicini, agli amici. Facevo torte per le feste di compleanno degli amici di scuola, poi andavo dal fioraio, prendevo quei fogli di plastica trasparente che usano per i fiori, li avvolgevo attorno alla torta e ci facevo un bel fiocco. Le torte erano a forma di cuore o di Stella e spesso colorate, rosa, blu, verdi, rosse. Mi sta tornando la voglia di cucinare, di scrivere e di cantare. Una delle tre ve la risparmio però. Promesso. @melissadebernardi Makeup @federicolibertino Hair @alexdevotion #sezoommatesivedelapanza #misiedoeaspettoglihaters #vihodatoilla #oggicosi #sifapergiocare #bebrave #sigmceraUn post condiviso da Jane Alexander (@jinnyminnypinny) in data: 31 Mag 2019 alle ore 3:49 PDT

Fonte http://www.ilgiornale.it/

Instagram rimuove una foto di Leone. Fedez diventa una furia

Fedez si arrabbia per una foto che Instagram ha rimosso dal suo profilo: l’immagine, che rappresentava Leo durante un bagno in piscina, è stata condivisa nuovamente dal rapper

Il soggiorno a Los Angeles di Fedez e Chiara Ferragni prosegue tra momenti di relax con Leo e impegni di lavoro che la coppia continua a condividere con i propri follower su Instagram.Ma è stato proprio il social più utilizzato dai Ferragnez a rimuovere, dopo alcune segnalazioni, una foto di Leo postata dal rapper. Un evento che ha infastidito molto Fedez che, non contento, ha deciso di pubblicare per la seconda volta lo stesso scatto incurante delle polemiche e dei giudizi dei malpensanti. “Mi hanno segnalato e rimosso dal profilo questa foto – ha commentato il marito della Ferragni nelle sue story, allegando lo scatto incriminato – . Forse non rispetta le linee guida Instagram non essendoci culi, tette, collane, diamanti, ecce cc. Vabbè io la rimetto, tiè”.Lo scatto che ha fatto insorgere gli utenti che hanno segnalato l’immagine pubblicata da Fedez, in realtà, non contiene nulla di così deplorevole da essere rimosso dai social. Nella foto, infatti, il rapper tiene in braccio Leo durante un bagnetto in piscina. Il bimbo, inoltre, indossa il pannolino e un super trendy cappellino con occhiali da sole. Cosa c’è, quindi, di così disdicevole per gli utenti di Instagram?Non contento, Fedez ha continuato a provocare condividendo nelle sue story un secondo scatto che ritrae il figlio in piscina. "Tiè", ha commentato, quasi a voler ancora sfidare gli internauti più agguerriti. Com’è noto, i Ferragnez sono una delle coppie più discusse di sempre: tanto amati quanto odiati, sono continuamente sottoposti a critiche di ogni genere per il modo in cui gestiscono la propria vita e la condividono sui social. I due, però, restano quasi sempre indifferenti alla violenza degli hater e proseguono, incuranti dei leoni da tastiera.

Fonte http://www.ilgiornale.it/

“Non sono Mark Caltagirone”. E lo sposo (finto) della Prati sporge denuncia

Marco Di Carlo dice di non essere Mark Caltagirone e sporge denuncia: “Usano una foto con mia figlia”

Ormai il matrimonio di Pamela Prati è diventato il Pratigate. Queste nozze non ci saranno mai, nessuno ha mai comprato l'abito per la festa, nessuno festeggerà gli sposi, ma soprattutto questo Mark Caltagirone non esiste. O meglio, quello che sarebbe dovuto diventare lo sposo di Pamela è un'invenzione, un uomo immaginario. Non stiamo scherzando, purtroppo, questa è la verità. Dopo settimane di silenzi, menzogne e messinscena, la verità è venuta a galla. O forse soltanto una parte.Eliana Michelazzo, l'ex agente della Prati, dopo essersi inventata una bella storia con donna Pamela, ha svelato tutta la verità a Live-Non è la d'Urso. Non è stato facile strapparle fuori quello che sapeva. Tra sceneggiate, pianti e insulti sembrava un'impresa arrivare alla verità. Anche perché dietro a tutta questa messinscena, c'era una grande macchina studiata nei minimi dettagli. Diciamo pure che, a questo punto della storia, non è ancora nemmeno chiaro se Eliana, donna Pamela e la Prati siano d'accordo in tutto questo teatrino e alla fine della fiera stiano recitando. Fatto sta che l'ex del Bagaglino non si sposa oggi, domani e nemmeno tra un mese. Anzi: non si sposerà mai con Mark Caltagirone.Ma c'è di più. Dopo la comparsata a Chi l'ha visto? di Pamela Prati, ora a parlare è il presunto Mark Caltagirone. Meglio: quello che le artefici di tutto questo teatrino hanno spacciato per il caro Mark. Marco Di Carlo, oggi, è intervenuto, a Storie Italiane, per raccontare gli ultimi risvolti (giudiziari) del Pratigate. Stamattina, infatti, il manager dello spettacolo ha deciso di denunciare la vicenda per tutelare se stesso e la propria figlia nelle sedi competenti. Anche perché si è visto tirato in ballo in una storia che non lo compete. E ora in mezzo ci è finita pure sua figlia. Sul web, infatti, circolano delle loro foto accostate a questa vicenda."La denuncia nasce da dieci giorni di segnalazioni – ha spiegato -. Sono andato, oggi, in Procura a Roma. Ho esposto la denuncia. C'è un magistrato che la sta seguendo. Volevo tutelare la mia immagine e quella di mia figlia. Ho scoperto che, sabato scorso, è stato utilizzata, da una delle tre protagoniste, attraverso delle stories su Instagram, come se fosse in una fantomatica chat di Mark Caltagirone. Ho dovuto velocizzare il procedimento".Marco Di Carlo, quindi, da Eleonora Daniele smentisce di essere Mark Caltagirone e promette una denuncia per l'uso improprio di una foto con la figlia. Foto che tra l'altro non è ancora stata eliminata dai social. Perché ricordiamo che le tre "maghette" si sono inventata anche chat, foto, video, audio e figli adottatati. E in questa finta storia ci è finito anche la vittima Di Carlo. "Ora sono arrabbiato – conclude – perché dopo ormai essere palese il fatto che sia un fake, non capisco perché venga ancora utilizzata (la foto di sua figlia, ndr). C'è una diffida a non utilizzare più questa immagine e legarla a questa vicenda. Non riesco a capire il profitto nell'utilizzare questa foto con me e mia figlia. Lei è un'ottima ballerina".Speriamo che questa storia finisca in fretta. O per lo meno che lascino fuori i minori. Loro non c'entra nulla.

Fonte http://www.ilgiornale.it/